NEWS

Notizie, aggiornameti, commenti, risultati e foto, dal fantastico mondo del

GS PREALPINO LOGO

sponsor gs prealpino 2016

FESTA 2016 gs prealpino festa del ciclismo

GS PREALPINO LOGO

RESOCONTO ATTIVITA’ anno 2015

Con la riuscitissima organizzazione del  38° Trofeo CADUTI BESNATESI, gara riservata alla categoria Juniores, si è conclusa la  stagione organizzativa del G.S. Prealpino. La denominazione di questa manifestazione è stata voluta « PER NON DIMENTICARE » quelli che si sono sacriicati per difendere i valori e gli ideali  di Patria, Il grande numero di sportivi e pubblico presenti ad onorare la nostra gara è stato il miglior riconoscimento della preparazione tecnico organizzativa dei  nostri soci e volontari.

Nonostante le difficoltà nel reperire personale volontario, anche nel 2015 siamo riusciti ad organizzare gare riservate alle categorie GIOVANISSIMI, ESORDIENTI, ALLIEVI e JUNIORES oltre alle « FESTE DEL CICLISMO » a Besnate e Gornate Olona, i cui risultati finanziari positivi ci permettono di integrare le sponsorizzazioni da parte di enti privati.

Abbiamo partecipato inoltre con un nostro stand alla prima « FESTA DELLO SPORT » organizzata a settembre dall’Assessorato allo Sport del Comune di Besnate dove sono stati premiati Massimo MURARO (cat. ALLIEVI) e Martina BERNASCONI GAZZOTTI (cat. G6) vincitori del titolo di Campioni Provinciali FCI.

Massimo MURARO è stato inoltre premiato dal Comitato Provinciale FCI come « VARESINO D’ORO cat. ALLIEVI 2015 ».

Per quanto riguarda i risultati sportivi vanno segnalate anche le vittorie di Edoardo CERCHIARO, Simone ZANINI, Federico GAIARIN e i vari piazzamenti nei primi dieci di TOSETTO, ZANINI M., SALVALAGGIO, DE SANTIS e STOCCO.

Grazie alla struttura fissa chiusa al traffico, situata all’interno dell’area sportiva di Besnate, che da la possibilità di allenamenti in tutta sicurezza, parecchi nuovi bambini si sono avvicinati al G.S. Prealpino. Ci auguriamo che le Amministrazioni Comunali siano sempre vicine alla nostra associazione sportiva  garantendo, nei limiti imposti dai vari regolamenti comunali, tutta l’assistenza possibile per la pratica di un’attività sportiva rivolta sopratutto alle categorie giovanili.

 

GS PREALPINO LOGO

38 trofeo caduti besnatesi pag 1

38 trofeo caduti besnatesi pag 2
38 trofeo caduti besnatesi pag 3
38 trofeo caduti besnatesi pag 6
38 trofeo caduti besnatesi pag 438 trofeo caduti besnatesi pag 5

GS PREALPINO LOGO

CMYK base

ITES COM
Nuovo sponsor del GS PREALPINO
Da oltre 20 anni, ITES COM opera nel campo delle telecomunicazioni con serietà e professionalità, puntando sulla qualità del proprio lavoro.
www.itescom.it

 GS PREALPINO LOGO

 GRUPPO SPORTIVO PREALPINO

PRIMA SQUADRA 2013 DELLA PROVINCIA

giovanissimi TOSETTO VINCE A GORLA 22 sett 13 050

I GIOVANISSIMI VINCO IL CICLOVARESE CHALLENGE

PER IL SECONDO ANNO CONSECUTIVO

21-07-2013 CASSANO MAGNAGO ESORDIENTI ALLIEVI 028

FINITA LA STAGIONE VARESINA DEGLI ESORDIENTI: APPUNTAMENTO AL 2014

Varese. Si è conclusa domenica a Busto Arsizio la stagione di appuntamenti varesini dedicati alla categoria Esordienti. Un’annata strutturata in dieci competizioni dal primo maggio al primo settembre e che ha visto disputarsi le due manifestazioni in prove multiple per la categoria: la 15^ Challenge Renato Martignoni e la 3^ Ciclovarese Challenge.

Nelle cinque gare della Challenge Martignoni a primeggiare è stato Noel Guzon (G.S. Prealpino), che ha vestito la maglia Pi.Erre Sport dedicata ai primo anno, e Marco Casarini (Cassina Rizzardi) che si è aggiudicato la maglia Cartotecnica Graziella per i secondo anno.

Al termine delle quattro prove della Ciclovarese Challenge invece sono stati decretati vincitori Marco Braggion (Busto Garolfo) tra i primo anno, che si è aggiudicato il Gran Premio Sestero Onlus, e Andrea Bagioli (Pedale Senaghese) nei secondo anno che ha conquistato il Gran Premio Panathlon International Club Varese.

Domenica, al termine delle gare di Busto Arsizio, si è potuta stilare anche la classifica finale del Supervaresino, graduatoria istituita dal Comitato provinciale FCI di Varese in collaborazione con il quotidiano “La Prealpina” per valutare il rendimento durante tutta la stagione degli atleti tesserati in provincia. La graduatoria dei primo anno, V.C. Malnatese Memorial Stefano Conconi, se la è aggiudicata Noel Guzon (G.S. Prealpino). Per i secondo anno, Bottega d’Arte Ponte Tresa, a trionfare è stato Mirko Depalma (V.C. Cassano Magnago 92). I primi cinque atleti classificati saranno premiati, insieme ai compagni delle altre categorie, il 16 novembre a Gavirate in occasione del 15^ Gran Gala del Ciclismo Varesino.

Grande soddisfazione da parte del responsabile della categoria Esordienti del Comitato FCI di Varese Igor Giaron: “E’ stata davvero una bella stagione; nonostante fossi alla mia prima esperienza in questo ruolo mi sono trovato in sintonia con tutti i membri del Comitato che mi hanno sempre dato fiducia e appoggio. Quella appena terminata è stata un’annata ricca per questa categoria, con due manifestazioni in prove multiple che verranno sicuramente riproposte nel 2014. Anche i nostri atleti si sono comportati bene e vorrei fare un in bocca al lupo a tutti i ragazzi che l’anno prossimo passeranno alla categoria Allievi. Inoltre non vediamo l’ora di accogliere gli atleti della categoria G6 che inizieranno una nuova avventura della loro carriera ciclistica”.

Da Igor Giaron parte anche un invito a tutte le società organizzatrici della provincia:”Mi piacerebbe l’anno prossimo per gli Esordienti vedere più gare vallonate che diano la possibilità anche agli atleti non veloci di mettere in mostra le proprie potenzialità”.

Classifiche generali Supervaresino:

Primo anno V.C. Malnatese Memorial Stefano Conconi: 1) Noel Guzon (G.S. Prealpino) punti 35; 2) Nicolae Toma (S.C. Orinese) p.18; 3) Lorenzo Ferrario (G.S. Prealpino) p.17; 4) Domenico D’Amore (Lavena Coop) p.4; 5) Nicholas Rivolta (G.S. San Macario) p.3.

Secondo anno Bottega d’Arte Ponte Tresa: 1) Mirko Depalma (V.C. Cassano Magnago 92) punti 30; 2) Massimo Muraro (G.S. Prealpino) p.20; 3) Lorenzo Novo (G.S. Prealpino) p.14; 4) Mattia Munno (Pol. Besanese) p.12; 5) Martino Preti (C.C. Cardanese) p.12.

Varese, 3 settembre 2013

Comunicato di Annalisa Gianoli della FCI VARESE

GS PREALPINO LOGO

In punta di piedi, con discrezione ……come avrebbe sempre voluto, il nostro EMILIO FEDELI ci ha lasciato per sempre. IL nostro primo tifoso, socio fondatore, consigliere, sponsor ma soprattutto AMICO non sarà più con noi ai bordi delle strade ad incitare i suoi corridori. Da parte di tutti noi PREALPINI un ultimo saluto ed un grande ringraziamento ad EMILIO per quanto ha fatto per tutti noi e per tutto il mondo del ciclismo.

EMILIO FEDELI CON IVAN BASSO

IVAN BASSO con EMILIO FEDELI

GS PREALPINO LOGO

OPEN DAY DEL CICLISMO presentazione maglie GS PREALPINO e protettori sportSOSkin

Le nuovissime maglie “eclissi” del PREALPINO esclissi logo gs prealpino IVAN BASSOLA FRECCIA con il punto simbolizza il percorso che nelle nostre gare dobbiamo seguire per arrivare primi. Il cerchio nero è il nostro punto di arrivo il nostro obbiettivo il nostro traguardo. 

 nuova divisa gara gs prealpino

VII SPORT STYLE innovazione tecnologia per la salvaguardia di questi giovani atleti.

 IVAN BASSO KIT GS PRERALPINO RETRO

Partiamo dall’inizio, i colori sociali del Gruppo Sportivo Prealpino sono l’arancione, il nero e il bianco.

“La difficoltà non sta nel credere alle nuove idee, ma nel fuggire dalle vecchie“ (J.M. Keynes).

Grazie alla collaborazione tra il GS PREALPINO nella persona del Presidente Dott. Riccardo SCANDROGLIO, del Sig. Dario ZECUBI e la linea di abbigliamento sportivo VII SPORT STYLE; nonostante la grande crisi economica mondiale abbiamo deciso di dare un segnale forte ed innovativo ristudiano l’immagine completa della squadra, del sito web e con i nuovi social network come Facebook e Twitter. Questi storici colori sociali per motivare e creare positività agli atleti grazie ad un nuovissimo concetto nell’abbigliamento sportivo la VII SPORT STYLE rivisita antiche teorie vecchie come il mondo e le ripropone sull’abbigliamento. Abbiamo pensato agli atleti e ai tifosi del GS PREALPINO sperando queste nostre nuove divise possano piacere, perché grazie al vostro aiuto e comprando questi indumenti da gara si possa aiutare lo sport giovanile e i nostri atleti. Grazie allo sport cerchiamo di insegnare tramite i nostri allenatori, accompagnatori, i principi fondamentali dello sport: impegno, sacrificio, serietà e lealtà sportiva.

Non importa se vincono o se vinceranno.

L’importante è che  crescano  sapendo distinguere

tra il bene e il male.

Il più grande traguardo che desidera un padre per i propri figli,

è che vinca sempre il bene.

Il nostro obbiettivo è che i nostri figli crescano con degli ideali giusti. Con dei principi di lealtà e serietà sportiva. Grazie allo sport stiano lontani da brutte compagnie, droghe, alcool, solitudine, cyber dipendenza da computer, siti porno dipendenti. Lottiamo contro la sedentarietà dei nostri figli, la svogliatezza e la mancanza di energia vitale, di voglia di vivere, di credere in un traguardo, in un progetto di vita. Lottiamo contro il fumo giovanile, la cannabis e gli spinelli, le pasticche per una sera di euforia, ti sballano il cervello per tutta la vita. Già alle media (o scuola secondaria) alcune ragazzine (tra gli 11 e 13 anni) si fanno fotografare nude per avere le ricariche al cellulare, siamo contrari al sesso minorile. Questi sono solo alcuni dei rischi che oggi corrono i nostri figli, gli adolescenti nel crescere in questa società ammalata.

VII SPORTSTYLE

La linea di abbigliamento sportivo VII SPORTSTYLE abbina ai propri indumenti il concetto di massima protezione per gli atleti con protezione per la colonna dorsale, con protezioni contro le abrasioni da scivolate sportSOSkin e l’aiuto della cromoterapia Feng Shui, abbinando le foto della natura ai colori sociali. Il cielo posizionato sulle spalle, il sorgere del sole in primo piano con l’eclissi, le rose arancioni sui calzoncini sono quell’apporto naturale e di bellezza che vogliamo rappresentare sulle nuove divise del GS PREALPINO.

NUOVA MAGLIA FENG SHUI IVAN BASSO GS PREALPINO

 

LE ORIGINI DELLA CROMOTERAPIA FENG SHUI

La cromoterapia come il Feng Shui hanno origini antichissime poiché le medicine tradizionali hanno sempre attribuito grande importanza all’influenza dei colori sulla salute e sullo stato d’animo dell’uomo. Egizi, Romani e Greci praticavano l’elioterapia (esposizione alla luce solare diretta) per la cura di diversi disturbi. In India la medicina ayurvedica ha sempre tenuto conto di come i colori influenzano l’equilibrio dei chakra, i centri di energia sottile che vengono associati alle principali ghiandole del corpo. Anche i Cinesi affidavano il proprio benessere fisico all’azione dei vari colori: il giallo serviva a rimettere in sesto l’intestino, il violetto ad arginare gli attacchi epilettici. Le finestre della camera del paziente, inoltre, venivano coperte con teli di colore adeguato e il malato doveva indossare indumenti della stessa tinta. Negli ultimi anni la cromoterapia ha avuto un notevole sviluppo grazie ai numerosi studi scientifici che evidenziano l’influenza dei colori non solo sulla psiche ma anche sul sistema nervoso, immunitario e metabolico.

NUOVA MAGLIA FENG SHUI IVAN BASSO GS PREALPINO RETROCHE COS’E’ LA CROMOTERAPIA

La cromoterapia è una medicina integrativa che usa i colori per aiutare sia il corpo che la psiche a ritrovare il loro naturale equilibrio. I colori possono essere assorbiti dal nostro organismo in diversi modi: attraverso gli alimenti, la luce solare, il bagno, la meditazione, la visualizzazione sugli indumenti, l’utilizzazione di fasci di luce colorata. Quest’ultima consente di proiettare la luce nelle diverse parti del corpo. Quando una zona è esposta ad una irradiazione colorata, avviene un assorbimento di energia, di frequenza oscillatoria diversa secondo il colore, che può penetrare nell’organismo a varia profondità creando variazioni biochimiche nelle cellule e nel sangue. Le cellule, composte da atomi, entrano in risonanza vibratoria con le frequenze delle onde luminose recuperando il loro equilibrio.

freccia punto prealpino sul petto

LE FRECCE

Le frecce, la natura, i colori sono simboli importantissimi, sull’umore del corridore, del tifoso, del cliente compratore dei marchi da noi rappresentati. LA FRECCIA con il punto simbolizza il percorso che nelle nostre gare dobbiamo seguire per arrivare primi. Il cerchio nero è il nostro punto di arrivo il nostro obbiettivo il nostro traguardo. La direzione delle frecce sulla maglia e pantaloncini indicano le vie di energia del corpo, le frecce che puntano verso l’esterno del corpo aiutano lo scarico della stanchezza, dello stress degli elementi negativi. La grande freccia sulla schiena indica il nostro obbiettivo e la direzione che dobbiamo seguire per arrivare al traguardo. La freccia più importante è quella che punta al cuore, sta a rappresentare la grande passione che abbiamo in questo sport, il ciclismo, e che in tutte le cose per aver successo occorre arrivare al cuore della gente, dei tifosi, dei clienti.

 

Influenza dei principali colori sull’umore dei corridori, dei tifosi e dei CLIENTI DEL TEAM:

IVAN BASSO MAGLIA GS PREALPINOIn anteprima mondiale andiamo a proporre sulle maglie e divise degli atleti una teoria antica più di 2000 anni, risalente addirittura al Neolitico. Il feng shui (pron. fen sciuei) è un’antica arte geomantica taoista della Cina,  ausiliaria dell’architettura, affine alla geomanzia occidentale. A differenza di questa prende però in considerazione anche aspetti della psiche e dell’astrologia. Alcuni concetti base di questa antica arte li applichiamo al design degli indumenti sportivi per aiutare la psiche degli atleti e di tutti quelli che indossano questi indumenti. Gli stessi colori e simboli aiutano a vendere meglio i marchi e prodotti riportati sulle divise sponsorizzate.

NUOVA SALOPETTE FENG SHUO CON PROTETTORE SCHIENA VII SPORTSTYLE retro

 

Nuovo protettore per la colonna vertebrale.

nuovissimo protettore x schiena VII SPORT STYLE

 

 

 

 

 

I colori e le qualità terapeutiche

colori primari – rosso, giallo, blu, bianco.

Il colore rosso posizionato a sud della maglia indica SAGGEZZA, BUONA FORMA FISICA, FORZA ED ENERGIA OTTIMISMO rappresenta il fuoco

Il rosso è ottimista, è un colore vitale, attivo, che simboleggia il calore, il movimento, una battaglia, una vita appassionata. È il colore che più di altri rappresenta l’essere umano, è estravagante e collega la pienezza della vita con il coraggio, al sacrificio, alla gentilezza, ai sentimenti forti e agli impeti di passione. Il colore rosso suscita sempre qualche sensazione dentro di noi. Può piacere oppure no, ma sicuramente nessuno può rimanere indifferente.

Il rosso incrementa il tono dei muscoli, stimola il battito cardiaco e la produzione di adrenalina, aumenta la pressione e la circolazione sanguigna, migliora la funzionalità renale. Rende la respirazione più profonda e può causare emicrania. Non è indicato alle persone dal temperamento instabile e a quelle molto emotive.

Il colore giallo posizionato ad ovest della maglia indica CREATIVITA’ IDEALE PER I BAMBINI, rappresenta la terra
Il giallo è il colore del sole, il colore dello sport per eccellenza, della luce e dell’ottimismo, che rivitalizza, riattiva e libera dalle paure. Fa rimanere svegli e favorisce la concentrazione, simboleggia la creatività e la saggezza, incoraggia la motorica. Una sua importante caratteristica è la comunicatività (è la ragione per cui le cassette postali sono gialle). Migliora l’umore se utilizzato per pitturare le pareti o altre zone dell’ambiente.
Il colore giallo ha una particolare influenza sugli organi respiratori, aiuta nella cura della psiconevrosi, aumenta la pressione sanguigna, eleva il battito cardiaco e la velocità di respirazione. Ha un’influenza benefica sul sistema nervoso.
Le tonalità più frequenti di giallo sono: giallo pallido (effetto calmante e riflessivo), giallo squillante (vitalità, spavalderia, rilassamento), giallo olivastro (umore crepuscolare) e giallo limone (una sensazione di vitalità, di freschezza, di completezza).

Il colore blu posizionato a NORD della divisa si riflette positivamente su CARRIERA E SUCCESSO rappresenta l’acqua. Il colore blu appartiene alla categoria dei colori primari. Il suo contrario è il colore giallo, e la miscela di questi due colori dà come risultato il verde, che accomuna le caratteristiche di entrambi i colori. Il blu è un colore molto diffuso, lo troviamo sia nel cielo che nei mari. Il blu simboleggia: la saggezza, l’intelligenza, l’immortalità, l’infinito, la profondità, la sublimità, la spiritualità e la misticità. Ecco alcune associazioni psicologiche: chiarezza, freschezza, leggerezza (il colore dell’atmosfera), trasparenza, lontananza, quietezza, silenziosità
Effetti fisiologici del colore blu: abbassa il battito cardiaco e la velocità di respirazione, acquieta, favorisce il lavoro intellettivo, l’introspezione, il raccoglimento, dirige l’attenzione verso noi stessi – è noto come il colore della quiete e del riposo.

IL BIANCO
Il bianco è il colore della chiarezza. È il risultato della miscela dei tre colori primari: giallo, rosso e blu. Per questo di solito rispondiamo positivamente al colore bianco. Simboleggia la chiarezza, l’innocenza e la purezza, la nascita e perciò un nuovo inizio. Combinato a leggere tonalità di azzurro appare molto freddo. Il colore bianco è simbolo di divinità, di completezza, di orgoglio, di bontà e di eternità.

L’ARANCIONE

E’ un colore “caldo” ed è il risultato della combinazione dei raggi rossi e gialli. Trovandosi a metà strada tra questi due colori, ha un’azione riscaldante, rallegrante ed energetica, ma non eccitante come il rosso né elettrica come il giallo. Questo colore ha un’azione liberatoria sulle funzioni fisiche e mentali e ha un grosso effetto di integrazione e di distribuzione dell’energia. Gli effetti dell’arancione sull’organismo: ha una forte azione stimolante sulla ghiandola tiroide; è antispastico (ottimo per contratture e crampi muscolari); non aumenta la pressione del sangue ma stimola il battito cardiaco e la capacità di espansione dei polmoni; ottimizza l’attività della milza. In cromoterapia l’arancione viene utilizzato spesso in sostituzione del rosso quando si vuole evitare una stimolazione troppo vigorosa. I suoi effetti sulla psiche: induce serenità, entusiasmo, allegria, vogli di vivere, aumenta l’ottimismo, la positivizzazione dei sentimenti, la sinergia fisica e mentale. E’ utile in caso di apatia, depressione, pessimismo, paura, nevrosi, psicosi. Stimola l’appetito per cui è un antianoressico.

Indicazioni generali dell’ ARANCIONE:

Asma, Crampi, Letargia, Artereosclerosi, Depressione, Magrezza e anoressia, Bronchite cronica Epilessia, Menopausa, Calcoli biliari, Esaurimento nervoso, Mucosità, Claustrofobia, Gotta, Prolassi, Coliche renali, Ipotensione, Reumatismi, Confusione mentale, Ipoventilazione polmonare, Tosse con muco.

IL NERO è molto enigmatico e risveglia il desiderio di conoscenza. Dà una sensazione di profondità e di serietà. Possiamo utilizzarlo se desideriamo conferire un senso di autonomia, se vogliamo esprimere forza e carattere o se vogliamo dare un tocco di mistero.manicotti feng shui sportsoskinIMPORTANTISSIMO

Nelle divise e maglie di gara, manicotti e gambali ci sarà il colore giallo riflettente perché gli atleti e i nostri ciclisti devono essere individuati da lontano, visti da tutti specialmente dagli automobilisti durante gli allenamenti.

gambali feng shui sportSOSkin

Idea di VII SPORT STYLE

www.sportsoskin.com

LA FRECCIA RAFFIGURATA E’ UN MARCHIO REGISTRATO E RISERVATO VIETATA LA RIPRODUZIONE.

GS PREALPINO LOGO

 10/02/2013 Primi allenamenti gel GS PREALPINO

 Primi allenamenti prealpino febbraio 2013 056

Primi allenamenti prealpino febbraio 2013 050

Primi allenamenti prealpino febbraio 2013 057GS PREALPINO LOGO

GS PREALPINO aderisce alla campagna salviamo i ciclisti.

 SPORTSOSKIN 3

Interventi per lo sviluppo e la tutela della mobilità ciclistica”, diretta conseguenza della mobilitazione web per la campagna “Salviamo i Ciclisti”.

I punti salienti del documento disegno di legge per ora solo presentato, vedono l’inserimento del limite di 30 km/h nelle zone residenziali in cui non siano presenti piste ciclabili, il che avrebbe come diretta conseguenza l’istituzione della “zona trenta” in tutti i centri urbani delle nostre città sul modello di Reggio Emilia, e la destinazione agli Enti Locali della quota del 2% del budget delle società dei gestori stradali e autostradali per la realizzazione di piste ciclabili.

Nell’introduzione si legge: “E’ giunto il momento di riconoscere, ad ogni livello amministrativo e politico, la ciclabilità non solo come parte integrante della moderna mobilità quotidiana ma come soluzione efficace e a impatto zero per gli spostamenti cittadini personali su mezzo privato. Deve essere riconosciuto l’elevato valore sociale della mobilità ciclistica. Il suo sviluppo e la sua tutela, nel nostro Paese lungamente sottovalutati e anzi depressi dall’attenzione centrata sulla mobilità a motore gli attuali standard europei, già da anni a livelli altissimi e in Italia quasi inesistenti. La sicurezza delle persone che scelgono di spostarsi in bici deve essere considerata una priorità, da raggiungere soprattutto e in prima battuta attraverso la limitazione e la moderazione del traffico veicolare a motore. L’attenzione del legislatore alla sicurezza si deve concentrare su decise azioni di limitazione della velocità in ambito urbano.”

 Il disegno di legge si snoda in 9 articoli e prevede:

1)l’obbligo per gli autoarticolati che transitano nei centri urbani di essere dotati di sensori, allarmi sonori che segnalino la svolta, specchi supplementari e barre di sicurezza e altri strumenti tecnici che tutelino la mobilità ciclistica.

2)il monitoraggio degli incroci più pericolosi affinché entro i successivi 90 giorni siano impiantati, nelle suddette aree, semafori preferenziali per i ciclisti, specchi e altri strumenti tecnici che permettano ai guidatori di autoarticolati, autovetture e di moto e ciclomotori di individuare la presenza dei fruitori della mobilità ciclistica.

3) un’indagine nazionale per determinare il numero di persone che utilizzano la mobilità ciclistica, le aree interessate dalla mobilità ciclistica, il numero totale di chilometri di piste ciclabili e la loro dislocazione nelle diverse aree del Paese, nonché il numero dei ciclisti oggetto di incidenti.

4) l’ obbligo alle società che gestiscono strade e autostrade di destinare il 2% del proprio budget agli enti locali per la realizzazione di piste ciclabili.

5) la realizzazione di corsi di formazione, atti a migliorare la sicurezza per quanti usufruiscono della mobilità ciclista. La partecipazione ai corsi diventa requisito obbligatorio per il conseguimento della patente di guida.

6) l’obbligo del limite di 30 km/h di velocità massima nelle aree residenziali sprovviste di piste ciclabili.

7) che le aziende private o pubbliche o persone fisiche possano sponsorizzare la creazione di piste ciclabili e superstrade ciclabili anche attraverso l’attività di gestione di noleggi biciclette nelle suddette aree.

8) la modifica del decreto ministeriale del 27 marzo 1998 con l’affiancamento di un esperto di mobilità ciclistica al mobility manager aziendale e per i Comuni l’obbligo di istituire presso l’ufficio tecnico del traffico, una struttura di supporto e di coordinamento (Mobility Management) all’interno della quale devono essere individuate specifiche responsabilità con competenze sulla mobilità ciclistica (Bicycle Manager)

9) il raddoppio delle sanzioni amministrative a carico degli automobilisti in violazione dell’art. 141 del Codice della Strada (Velocità).

Il GS PREALPINO aderisce pienamente alla campagna salviamo i ciclisti iniziata dal quotidiano inglese THE TIMES.

DISTANZA 1,5 m

Rispetta la Vita quando sorpassi dei ciclisti mantieni la distanza di 1,5 m

 GS PREALPINO LOGO

Lo sport combatte la crisi globale

Il 2012 è stato un anno molto difficile per la nostra società. I contraccolpi economici della crisi globale si sono fatti sentire soprattutto nel mondo dello sport. La diminuzione di fatturato e conseguentemente di utili per le aziende commerciali o produttive ha fatto sì che il primo taglio fosse dato alle sponsorizzazioni.

Tutto questo ha costretto le società sportive a rivedere i budgets di spesa e quindi a tagliare l’attività relativa alle categorie più impegnative finanziariamente. Per questo nel 2013 la nostra società ha deciso  di sospendere l’attività della categoria Juniores, la più importante ma la più onerosa, e di non effettuare le gare non coperte finanziariamente.

Nonostante tutto questo, il 2012 è stato comunque un anno sportivo ricco di soddisfazioni.

Nella categoria JUNIORES, nonostante vari infortuni che hanno limitato l’attività di qualche atleta,  Carmelo FOTI e Gabriele MARGHERITIS hanno ottenuto una vittoria.

Vanno segnalate nella categoria ESORDIENTI le due vittorie del besnatese Lorenzo NOVO che al suo primo anno di attività ha saputo esprimersi sempre a livelli molto alti risultando uno dei miglio esordienti in provincia.

I “giovanissimi”, categoria non prettamente agonistica, hanno ottenuto 38 vittorie nelle varie  specialità strada gimkana e pista. E’ stato forse l’anno migliore perché in molti hanno saputo primeggiare dimostrando grande impegno e volontà. Per questo vogliamo segnalare i “vittoriosi”: Noel GUZON con 11 vittorie, Simone  ZANINI con 10, Federico TOSETTO con 8, Lorenzo FERRARIO con 4, Martina BERNASCONI con 2, Alan DE SANTIS, Filippo VANONI e Matteo ZANINI con 1.

La nostra società è stata premiata ancora una volta come la migliore in assoluto a livello provinciale.

Un grazie particolare ai nostri  atleti ma soprattutto ai tecnici ed accompagnatori per il loro impegno costante nell’insegnamento tecnico sportivo, educativo  e socio culturale.

Nonostante la grande crisi, proprio nei momenti difficili si devono attuare le strategie migliori per raggiungere sempre i traguardi migliori, sia nel ciclismo che nella vita.

Il GS PREALPINO sarà la prima società sportiva a livello mondiale a presentare per la nuova stagione 2013 delle divise Feng Shui della linea di abbigliamento VII SPORT STYLE, adottando la tecnica della cromoterapia nella maglie della nuova stagione che sta per iniziare.

Altra novità mondiale è che tutti gli atleti avranno in dotazione un kit di “sliders” saponette come quelle indossate da Valentino Rossi per evitare le abrasioni in caso di scivolate sull’asfalto. Questo progetto SportSOSkin per salvaguardare i ciclisti, che indosseranno divise con bordi fluorescenti per essere sempre visibili nel traffico durante gli allenamenti.

Ci auguriamo tutti che questo periodo così “difficile” sia oramai alla fine con la speranza e la fiducia di tornare nel 2014 ad investire, noi come tecnici e le aziende come sponsors, nei grandi valori dello sport per il bene dei nostri ragazzi.

 GS. PREALPINO

Giovanissimi PREALPINO

 Giovanissimi plurivittoriosi al GS PREALPINO

GS PREALPINO LOGO